E-Bike & wellness in alta quota

trekking in e-bike al cospetto del Grand Combin

Trekking in e-bike di due giorni per scoprire gli incontaminati ambienti alpini della Valpelline e la Valle del Gran San Bernardo immersi in ambienti meravigliosi e circondati da panorami mozzafiato.

  • 2 giorni

  • da 80.00

  • Media capacità

  • max 8

  • Su Richiesta
    in estate ed autunno

E-Bike & wellness in alta quota
trekking in e-bike al cospetto del Grand Combin

Due giorni in e-bike alla scoperta dei paesaggi di incomparabile bellezza in un territorio suggestivo come quello del Grand Combin. Una Valle d’Aosta autentica e genuina, con i suoi alpeggi e i suoi rûs, i suoi pascoli e suoi boschi, immersi nei panorami grandiosi delle montagne che circondano la Coumba Freida.

Pedalerai attraverso la Valpelline e la Valle del Gran San Bernardo, in un caleidoscopio di ambienti differenti: dai pascoli di media quota alla natura incontaminata dell’alta montagna, dove aquile e marmotte la fanno da padrone.

Durante il trekking percorrerai tratti suggestivi quali le gallerie del rû du Mont e le mulattiere militari, immerse nel silenzio dei larici e dei rododendri, capaci di regalare emozioni e colori diversi in ogni stagione.

Visiterai parte di un antica miniera di rame che oggi ospita il magazzino di stagionatura della fontina della Cooperativa Produttori Latte e Fontina della Valle d’Aosta.

Durante il tour sarai accolti dal calore e dall’atmosfera unica del rifugio alpino Adolphe Letey, e dai suoi straordinari prodotti biologici e a kmø. Dopo le fatiche della pedalata un meritato momento di relax tra sauna e vasca di acqua calda per distendere i muscoli godendosi lo spettacolo del panorama circostante.

  1. GIORNO 1

    Ore 9.30 incontro con la guida cicloturisticaOre 9.40: Partenza per il Trekking

    Lungo la salita si attraverseranno ambienti tipici della montagna e villaggi, si potranno osservarne le particolarità e curiosità. Durante il tragitto è prevista una sosta per la visita al magazzino di stagionatura della Fontina di Ollomont e ricarica delle biciclette. Dopo la pausa pranzo, nuovamente in sella in direzione Doues. Verso le ore 18.00 è previsto l’arrivo al rifugio Adolphe Letey di Champillon (2465 m s.l.m.). Dopo una meritata pausa, prima della cena, controllo, toelettatura e rimessaggio della propria bicicletta.

    Dettagli tappa della giornata

    dislivello massimo in salita: 1700 m

    lunghezza percorso: 40 Km

  2. GIORNO 2

    Ore 9.00: Controllo della propria bicicletta e attrezzaturaOre 9.30: Partenza dal rifugio Adolphe Letey di Champillon (2465 m s.l.m.), per la seconda tappa.

    Durante l’escursione si percorreranno strade militari e poderali e rûs, si attraverseranno pascoli e bellissimi boschi di conifere della Valle del Gran San Bernardo. Lungo il percorso una sosta è d’obbligo per visitare Etroubles, inserito tra i Borghi più belli d’Italia. Rientro e conclusione del tour per le ore 16.00

     

    Dettagli tappa della giornata

    dislivello massimo in salita: 860 m

    lunghezza percorso: 60 Km

Tariffe
1 persona 2 persone 3 persone 4 persone 5 persone 6/8 persone
240 € 140 € 120 € 100 € 90 € 80 €

 

Note:
I prezzi sono da intendersi per persona e per solo servizio di accompagnamento, con e-bike di proprietà.
Per chi non possiede una e-bike, possibilità di noleggio (servizio fornito da VDA Experience srl)
Rifugio A. Letey, mezza pensione + cestino pranzo con prodotti tipici: da saldare separatamente in loco e non compresa.

Informazioni utili

Il rifugio Champillon
www.rifugio-champillon.it

Il Rifugio Champillon Adolphe Letey, inaugurato il 3 Luglio 2005, è situato a monte dell’alpeggio Tza di Champillon su un dosso panoramico da cui si gode un bel panorama sul vallone di Ollomont e sulla Bassa Valpelline a quota 2465mt prende il nome dallo storico primo cittadino di Doues, Adolphe Letey, sindaco dal 1951 al 1990. Sua l’idea e suo il merito per aver sempre creduto ed investito sull’importanza del turismo in piccole realtà come quella di Doues.

Caratteristiche del percorso

  • Livello di difficoltà: MC/MC
  • Lunghezza complessiva: 100 km
  • Dislivello complessivo in salita: 2560 m D+

Oltre alla bicicletta ogni partecipante deve avere con se il caricabatterie.

Prima di intraprendere l’escursione si consiglia di controllare sempre che la propria e-bike sia in buone condizioni.

Valuta la tua capacità tecnica in sella

Viene di seguito riportata la classificazione dei percorsi cicloescursionistici (SIMB - Cicloescursionismo Italiano), sulla base della difficoltà fisico/atletica e della difficoltà tecnica dei percorsi.
Nella definizione delle sigle per la descrizione della difficoltà tecnica il criterio per individuare una sigla è il tipo di fondo prevalente secondo quanto riportato di seguito:

  1. Turistico
    Percorso su strade sterrate dal fondo compatto, di tipo carrozzabile

    Rientrano sotto questa sigla tutti i percorsi che si svolgono su strade agevolmente percorribili dalle comuni autovetture: sterrati inghiaiati, tratturi inerbiti o di terra battuta senza solchi, ecc.; anche se esulano dal cicloescursionismo, si faranno rientrare sotto questa sigla le strade pavimentate (asfaltate, cementate, acciottolate, lastricate ecc.)

  2. Media capacità tecnica
    Percorso su sterrate con fondo poco sconnesso o poco irregolare, tratturi, carrarecce, o su sentieri con fondo compatto e scorrevole

    Tutte le strade rientranti nelle categorie di tratturi, carrarecce, piste agro-silvopastorali o di servizio a impianti, strade militari alpine ecc., che sono agevolmente percorribili da veicoli fuoristrada e non da una comune autovettura, segnate da solchi e/o avvallamenti o con presenza di detrito che non penalizza la progressione (ma che induce a cambiare la traiettoria per cercare un passaggio più agevole). Mulattiere selciate, sentieri inerbati o in terra battuta, con fondo compatto e scorrevole, senza ostacoli (solchi, gradini) rilevanti, dove l'unica difficoltà di conduzione è data dalla presenza di passaggi obbligati che impongono precisione di guida.

  3. Buona capacità tecnica
    Percorso su sterrate molto sconnesse ed accidentate o su mulattiere e sentieri dal fondo piuttosto sconnesso ma abbastanza scorrevole oppure compatto ma irregolare, con qualche ostacolo naturale (per es. gradini di roccia o radici).

    Strade sterrate percorribili solo ed esclusivamente da veicoli fuoiristrada, dal fondo sconnesso ed irregolare, con solchi e piccoli gradini; mulattiere e sentieri che presentano un fondo sconnesso, con detrito instabile e con occasionali e modesti ostacoli elementari (radici, gradini non molto alti, avvallamenti) mulattiere e sentieri che presentano un fondo abbastanza compatto ma con presenza significativa di ostacoli elementari, radici o gradini non troppo elevati, in generale, oltre ad una buona conduzione e precisione di guida in passaggi obbligati, è anche richiesto un discreto equilibrio.

  4. Ottima capacità tecnica
    Come sopra ma su sentieri dal fondo molto sconnesso e/o molto irregolare, con presenza significativa di ostacoli

    Strade sterrate percorribili solo ed esclusivamente da veicoli fuoiristrada, dal fondo sconnesso ed irregolare, con solchi e piccoli gradini; mulattiere e sentieri che presentano un fondo sconnesso, con detrito instabile e con occasionali e modesti ostacoli elementari (radici, gradini non molto alti, avvallamenti) mulattiere e sentieri che presentano un fondo abbastanza compatto ma con presenza significativa di ostacoli elementari, radici o gradini non troppo elevati, in generale, oltre ad una buona conduzione e precisione di guida in passaggi obbligati, è anche richiesto un discreto equilibrio.

FAQ
  1. Equipaggiamento obbligatorio

    Per poter affrontare al meglio un escursione in bicicletta elettrica è bene avere sempre con se un equipaggiamento minimo per far fronte ad eventuali impresti ed inconvenienti tecnici.

    Per poter partecipare alle escursioni è necessario:

    • Casco da MTB (fornito insieme alla e-bike in caso di noleggio)
    • Occhiali
    • Guanti
  2. Equipaggiamento consigliato

    Borraccia piena alla partenza (durante gli itinerari sono previste soste per il rifornimento di acqua)

    • Spuntino energetico (frutta secca, barrette ai cereali, ecc)
    • Camera d’aria di riserva per la propria bicicletta
    • Mantellina anti vento/ anti pioggia
  3. Qual è l’abbigliamento consigliato?

    A seconda della stagione è bene scegliere con attenzione come vestirsi per non rischiare di avere troppo freddo (o troppo caldo!).
    Si consiglia il classico abbigliamento a strati che permette di far fronte al meglio agli eventuali cambi di temperature che si possono incontrare durante l’escursione.
    Ad esempio in primavera un buon abbigliamento potrebbe essere così composto:  pantaloni lunghi o pantaloni corti e gambali da ciclismo, intimo sulla pelle, maglietta manica corta, maglia manica lunga e/o giubbino antivento, occhiali da sole, cappello, guanti. Scarpe da trekking leggere o scarpe da ginnastica.
    Si consiglia sempre di portare uno zaino con un cambio.

  4. E-Bike: cos’è e come funziona

    E-Bike o biciclette a pedalata assistita sono termini che identificano biciclette di ultima generazione che, dotate di motore e batteria, assistono il ciclista durante la progressione. L’assistenza viene attivata solo nel momento in cui si inizia a pedalare e l’azione del motore risulta un’amplificazione dello sforzo fatto sui pedali. Il ciclista, azionando la pulsantiera presente sul manubrio può scegliere il livello di aiuto da avere dalla bici. A differenza delle biciclette elettriche e dei motorini elettrici l’aiuto cessa nell’esatto momento in cui si smette di pedalare perché non sono dotate di acceleratore.

  5. Quanta autonomia ha la batteria?

    E-Bike o biciclette a pedalata assistita sono termini che identificano biciclette di ultima generazione che, dotate di motore e batteria, assistono il ciclista durante la progressione. L’assistenza viene attivata solo nel momento in cui si inizia a pedalare e l’azione del motore risulta un’amplificazione dello sforzo fatto sui pedali. Il ciclista, azionando la pulsantiera presente sul manubrio può scegliere il livello di aiuto da avere dalla bici. A differenza delle biciclette elettriche e dei motorini elettrici l’aiuto cessa nell’esatto momento in cui si smette di pedalare perché non sono dotate di acceleratore.

  6. In e-bike posso fare delle belle escursioni senza che lo sforzo risulti proibitivo?

    Si perché per le escursioni non è richiesto un allenamento specifico. Chiunque può divertirsi e scoprire un mondo assolutamente nuovo utilizzando questo mezzo davvero speciale che permette a tutti prestazioni uniche con dislivelli incredibili su strada, fuoristrada e anche sulla neve.
    Prima di partecipare alle nostre escursioni verificane il livello tecnico richiesto.

  7. In e-bike si suda e si fa fatica?

    Assolutamente si, su una e-bike si suda e si fatica e l’assistenza c’è fino a quando si pedala e nel momento in cui si smette il motore si ferma.
    L’assistenza alla pedalata è un’amplificazione del nostro sforzo e può essere regolata tramite un comando posto sul manubrio dell’e-bike che permette di scegliere quanto aiuto avere.
    Più si aumenta il livello di assistenza meno fatica si fa!

  8. Come noleggiare un e-bike

    www.vdaexperience.comVDA Experience

    Partner fidato e fornitore di e-bike per lo svolgimento delle escursioni.

Recensioni